AVVISO

TUTTE LE INFORMAZIONI RELATIVE AGLI AVVISI PUBBLICI DI SELEZIONE PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIE FINALIZZATE ALL'ASSUNZIONE DI PERSONALE CON CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO A TEMPO DETERMINATO PRESSO INNOVAPUGLIA SPA  (pubblicati in data 20 settembre 2017) SONO DISPONIBILI A QUESTO LINK

« Indietro

PNRR: LE PROPOSTE DI COLAO

 

Il digitale per una vita più facile, più sana e più inclusiva

Lo scorso giovedì 18 marzo 2021 si è svolta l'audizione parlamentare del Ministro per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao, per l'elaborazione della Proposta di piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

Il Ministro ha elencato i punti principali che guideranno la strategia di transizione digitale: ammodernamento delle infrastrutture su tutto il territorio nazionale, sfruttamento del cloud computing, utilizzo dei dati della pubblica amministrazione, avanzamento della cybersicurezza e infine una maggiore centralità delle persone e delle loro competenze.

Durante il suo intervento il Ministro Colao ha anche illustrato alcune delle misure contenute nel Pnrr. Le proposte presentate si articolano in sei grandi blocchi:

  1. Investimenti per la banda ultra larga;
  2. Il piano per la digitalizzazione della PA;
  3. L'interoperabilità dei dati e la digitalizzazione delle applicazioni per i cittadini;
  4. Il rafforzamento del sistema di cybersecurity;
  5. La cittadinanza digitale;
  6. Le misure contenute nel Pnrr in cui il Ministro, assieme al Dipartimento per la trasformazione digitale, avranno un ruolo di coordinamento con altre Amministrazioni vista la loro trasversalità.

Approfondiamo in particolare le proposte per la Digitalizzazione della PA.

Un'efficace digitalizzazione dei servizi della PA si articolerà con l'azione su due aree: infrastrutture e applicazioni per i cittadini. Il Ministro intende puntare su una strategia di introduzione decisa del cloud - in attuazione del cosiddetto principio "cloud first" - a livello centrale e locale. Centro della strategia di un investimento in infrastrutture all'avanguardia per cogliere appieno le opportunità inerenti al cloud computing è il Polo Strategico Nazionale, localizzato sul suolo italiano e con garanzie giurisdizionali elevate, per razionalizzare e consolidare  i molti data center oggi dispersi e inefficienti sul territorio.

Accanto al Polo Nazionale bisognerà però prevedere flessibilità per le amministrazioni di usufruire di efficienti cloud pubblici o ibridi pubblici/privati, economici e scalabili facilmente, ma a fronte di una rigorosa e omogenea classificazione delle tipologie di dati da conservare e delle caratteristiche di sicurezza e protezione richieste ai fornitori.

L'insieme di queste infrastrutture diverrà il cuore della Piattaforma Digitale Nazionale Dati (PDND), permettendo la realizzazione del modello di interoperabilità fra le amministrazioni pubbliche.

Il passaggio al cloud consentirà lo sviluppo di servizi digitali da parte di un ampio ecosistema partecipato di imprese e startup, in grado di migliorare l'offerta e la qualità di prodotti software per la PA, come già accade in altri paesi. Questi servizi promuoveranno la crescita di un mercato aperto e la possibilità del riuso delle soluzioni migliori a favore dell'efficienza della spesa.

È tuttavia chiaro che questi obiettivi ambiziosi saranno efficaci solo se sosterremo le amministrazioni nello sforzo di migrare verso il cloud. Per farlo, è necessario sostenerle finanziariamente, ma anche immettere capitale umano e accompagnare nel tempo i piani di implementazione che l'esperienza ci insegna sono tanto importanti quanto l'architettura.

La strategia

In conclusione il Ministro ha anche illustrato l'impianto strategico che il Comitato interministeriale per la transizione digitale seguirà nel suo lavoro.

In primis il digitale come garanzia di opportunità, inclusione e coesione territoriale. "La dimensione digitale - ha detto Colao - riesce a colmare distanze prima impensabili, a connettere idee, persone, imprese e mercati abbattendo barriere e dando opportunità a tutti. È nostro dovere accogliere la sfida digitale per non lasciare indietro nessuno."

Il secondo luogo il digitale come nuovo modo di lavorare, fare impresa ed essere cittadino. La digitalizzazione deve essere vista come condizione abilitante di un nuovo diritto di cittadinanza, nella PA come nelle scuole, nella giustizia, come nella sanità, nella capacità competitiva come nella sicurezza.

Infine la transizione digitale deve essere concepita come una strategia industriale, geostrategica competitiva, in un'ottica europea e atlantica.

Scarica il testo dell'intervento

Valenzano, 22 marzo 2021

 

 


 

Tutte le notizie

Il portale di InnovaPuglia offre un quadro sull'innovazione ICT (Information Communication Technology) in Puglia. Per rimanere sempre aggiornati è possibile iscriversi  al portale e al servizio di distribuzione della newsletter e ricevere, direttamente sul proprio desktop, informazioni su servizi, linee guida, normative, gare, ed eventi. Buona navigazione. La Redazione

Calendario eventi

WIRED DIGITAL DAY 2020




Piano industriale 2015 - 2017

Archivio Newsletter e news

InnovaPugliaNews è la newsletter informativa a cura del Servizio Comunicazione di InnovaPuglia. Per ricevere la Newsletter direttamente sul tuo desktop è necessario iscriversi al portale. Se non sei già un utente registrato clicca qui. Per ricercare un numero precedente della newsletter o una notizia in particolare accedi alla pagina di archivio.

 Ricerca in tutto il portale 

Foto Video Slide